Il blocco della cessione dei crediti, il nuovo cambiamento delle regole con il decreto aiuti quater, l’obbligo della certificazione Soa a partire dal primo gennaio per ogni intervento che beneficia di incentivi pubblici, rischia di avviare la tempesta perfetta nel settore delle costruzioni e ha fatto diventare il superbonus un supermalus, in modo particolare per le microimprese artigiane del settore.

Facendo seguito alla manifestazione di protesta contro l’indiscriminato e sproporzionato incremento del costo dell’energia elettrica, promossa dalla Cna territoriale di Ragusa in piazza Poste nel capoluogo ibleo, con successivo incontro con il prefetto Ranieri, i presidenti territoriali di Cna Turismo, Giovanni Carbone, Cna Dolciari e Panificatori, Vincenzo Asta, e Cna Ristoratori, Federica Muriana, hanno inviato una nota ai

Fondi ex Insicem destinati al Comune di Scicli, la Cna comunale chiede di fare chiarezza. Il motivo? Ecco i fatti. Con determinazione n. 25 del 20 aprile 2021, settore IV – entrate-sviluppo economico, il Comune approva il bando per l’erogazione di sostegni economici alle imprese a seguito dell’emergenza sanitaria Covid-19, di cui all’azione strategica n.5.3 in attuazione del piano di utilizzo dei fondi ex Insicem.